Domande




Relazioni personali



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore

Poesie erotiche
  

Domande

Il sogno di uscire dall'incubo dell’eroina, l'incubo di non uscire dal sogno

di Marco, Roma
Cari Monica e Luigi,
io sono un totemaniaco da molto tempo, ma purtroppo nella vita sono stato un bel coglione perché sono cascato dentro una cosa più schifosa di tutte o quasi, cioè l’eroina. Sia io che mia moglie ci droghiamo e tante volte abbiamo provato a smettere con scarsi risultati.
Abbiamo molte motivazioni per smettere, oltre che a farlo per noi stessi, la più grande è nostro figlio che ha 5 anni. Ma uno fino che non sta in mezzo a questa merda non può giudicare e capire cosa vuole dire, perché io dico che la roba è talmente buona che non c’è niente di meglio e fino a qui tutto bene, ma purtroppo fa male e porta sempre e in ogni caso alla morte.
Perciò io so cosa vuole dire e so anche che non c’è più ritorno, una volta entrati sono pochissimi quelli che ce la fanno. Per questo non si dovrebbe provare nemmeno una volta.
Io ora sto agli arresti domiciliari per spaccio e sono sicuro che se continuo la prossima volta mi becco qualche anno, dunque sto cercando di uscirne fuori. Ora prendo il metadone perché non è facile, ma vorrei cambiare vita. Si, proprio così, perché quando uno inizia a drogarsi gli cambia totalmente la vita: ogni giorno si deve solamente pensare a trovare i soldi per la roba, gli amici ti abbandonano, la famiglia pure, il fisico si distrugge, il cervello pensa solo a quello e per la roba ci si abbassa a fare tutto.
Spero che questa sia la volta buona, io ce la metto tutta ed è bello sapere che ci sono degli amici come voi. Anche quando sto male in astinenza, leggendo Totem riesco a tenere duro perché non mi fate sentire mai solo.
Solo ciao.

acquistare Cialis originale


La nostra risposta:
Caro Marco,
purtroppo la morte ha sempre avuto un fascino potentissimo. E per un motivo o per l’altro ha sempre attratto un gran numero di persone, soprattutto giovani. L’eroina ha questo fascino mortale, con in più il vantaggio (rispetto alle altre forme di suicidio) di essere un potentissimo anestetico fisico e psicologico. Invece di dare una breve agonia sanguinando dalla testa o vomitando per il gas, ti consente di librarti nell’ovatta calda, di dimenticare ogni problema, di avere una piacevole lunghissima agonia. Intervallata da momenti d’inferno.
Non abbiamo "risposte" per te, però voglio raccontare una cosa. Quando Monica era ricoverata per la varicella (malattia infettiva) abbiamo conosciuto, in Ospedale, una coppia più nostra che vostra coetanea. Si facevano tutti e due da un bel pezzo, e da un bel pezzo erano entrambi HIV+. Lui agli arresti domiciliari per spaccio e lei che entrava ed usciva settimanalmente dall’ospedale per una serie di infezioni tremende.
Abbiamo visto le foto di quando si erano sposati, giovani, felici, belli. Molto belli, proprio una bella coppia. Lei con gli occhi grandi e luminosi ("da cerbiatta", dice Monica), il volto ovale perfetto, lui (dice sempre Monica) proprio un "bel fusto". Irriconoscibili.
Lei, come ho detto, è costretta a fare fuori e dentro dall’ospedale, lui continua a spacciare anche ai domiciliari. Il problema, in un’estate nella quale i telegiornali parlano del "pericolo sieropositivi", è: che altro potrebbero fare? E’ vero quello che dici, fino a che non conosci le situazioni vere e reali è molto facile avere idee sbagliate e sparare cazzate. Tanti anni di tossicodipendenza e di HIV rendono impossibile tornare ad una vita normale. E’ vero che spacciare eroina è molto simile a vendere pistole a chi si vuole suicidare, ma cosa altro potrebbero fare, qual è l’alternativa che gli proponiamo? Anche se smettessero di usare l’eroina, non avrebbero più la forza non solo di lavorare, ma perfino di scippare o saltare il bancone di una banca per una rapina. E come si fa a passare l’inverno fra una polmonite ed un’asma dovendo non solo mangiare, pagare casa e le bollette, ma anche i ticket e le medicine che la mutua non passa?
Finché non ci si renderà conto che i tossici, i sieropositivi sono persone con enormi problemi e che un Paese civile, piuttosto che discutere se hanno diritto o no agli arresti domiciliari, dovrebbe aiutarli con, ad esempio, una pensione decente e con agevolazioni per i loro figli (libri, buoni pasto e trasporto gratuiti a scuola, per esempio) resteremo sempre dei razzisti pressapochisti.

Questa lettera è stata letta 4918 volte.


I vostri commenti
Ci sono 1 commenti:

Ciao Marco ho appena finito di leggere la tua lettera, e sn d accordo con te in tutto, , cmq faccio i miei auguri a te e famiglia che tutto si possa risolvere per il meglio, , da un bacio al tuo bimbo, e che lui e tua moglie siano la tua forza per uscirne definitivamente, , , ciao e che Dio vi benedica, , , , , , ,
       (Scritto da Rocco il 28/9/2012 02:20)


Vuoi inserire anche tu un commento a questa lettera? Vuoi rispondere pubblicamente?
Clicca qui: Inserisci un commento a questa lettera

Cialis originale


 << ultima lettera  |  < lettera successiva      
 La confessione più recente in questo argomento è:

Tradimento, che bella sensazione...
Eccitarsi per il tradimento della propria ragazza. Un po' come sentirsi più leggeri senza tanta responsabilità. Forse sono i 7 anni di fidanzamento, vedersi nel ruolo di "marito e moglie", che pesa troppo. Sicuramente è poco eccitante.
  
 La confessione più letta in questo argomento è:

 ♦ Desidero fortemente mia suocera
La suocera è diventata un'ossessione, ma non nel solito senso!



Inserite la vostra pubblicità su questo sito