Mio cognato, una persona adorabile




Relazioni personali



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore

Poesie erotiche
  

Mio cognato, una persona adorabile

Il segreto per andare d'accordo con il marito è mettergli le corna. Quando lui è avaro di sesso e di attenzioni si può ritrovare armonia e felicità in famiglia se lei si soddisfa con qualcun altro.

di Federica
Mi presento: mi chiamo Federica ed ho 28 anni.
La mia vita sentimentale è stata molto travagliata: un anno di convivenza con un uomo che ho mandato al quel paese, dopo un paio di mesi inizio una nuova relazione e mi sono sposata. Da questo primo matrimonio ho avuto un figlio. Il nostro rapporto è durato 4 anni e ci siamo lasciati con un divorzio.

Tre anni fa ho conosciuto un altro ragazzo, lavoratore, serio, educato, affettuoso, insomma una persona perbene. Ci siamo sposati: il primo anno tutto bene, poi mio marito dedica il proprio tempo al lavoro e ai propri hobby tanto da trascurarmi e io purtroppo non sono il tipo da avere il cazzo due volte la settimana.
Amo molto mio marito e quindi cerco di continuare a vivere così, adattandomi. Mia sorella maggiore, con cui mi sono confidata, mi ha consigliata di cercarmi un amante per poter colmare il vuoto, perché tanto non esiste l'uomo perfetto. Ho cominciato a fare la civetta con mio cognato Giorgio (il marito della sorella di mio marito, ) proprio con lui perché notavo che mi guardava in modo strano, guardava sempre le mie tette, il mio culo, facendomi dei complimenti, mi spediva dei fiori, come se mi volesse scopare a 360 gradi.

Posso dire che ho trovato sempre interessante Giorgio, persona distinta, fortunato nel lavoro, benestante, con uno sguardo attento e sveglio. Un sabato convinsi mio marito ad invitare i miei cognati per uscire fuori per una cena.
Avevo previsto tutto, mio marito alla guida, mia cognata che soffre di mal d'auto seduta davanti, io e Giorgio seduti dietro.
Mentre si camminava mi tolsi la scarpa e con il piede gli toccavo la gamba da fargli capire qualcosa, lui subito senza perder tempo mi infilò la mano nella figa massaggiandola fino a farmi avere un orgasmo. Alla fine leccandosi le dita che mi aveva infilato.
Fu una serata eccitante, ballammo tutta la serata sussurandomi nell'orecchio il desiderio di leccarmi tutta, anche la figa e le tette con un po' di panna sopra, poi infilarmela nel buchetto del culo... ero già ubriaca dalle sue parole che son dovuta andare in bagno per asciugarmi la figa e togliermi le mutande bagnate.

Non persi tempo: lo invitai il lunedì a casa mia. Non ho mai personalmente visto un uomo così ricco di fantasie sessuali e da circa 14 mesi ho una relazione con lui. A volte lo facciamo all'aperto, in montagna o in riva al mare, in macchina, ovunque, una volta siamo stati quasi tutto il giorno insieme e lo abbiamo fatto per tre volte. E' come se avvessi un vulcano sempre pronto.
Adesso mi sento completa: un uomo, mio marito, che cresce mio figlio e da calore alla mia famiglia e Giorgio, mio cognato, che mi soddisfa sessualmente, tanto che ho ringraziato mia sorella per il consiglio. Lei mi dice sempre che si è pentita di avermi dato quel consiglio, ma mi ha confidato che lei stessa ha un amante. Ora mi spiego perché va d'accordo con il marito. Insomma mi sento felice, ma ho molta paura e ansia che possa durare poco. Cosa ne pensi?


La nostra risposta:
Cara Federica,
penso che anche se con tuo cognato Giorgio dovesse durare poco, non avresti certo difficoltà a rimpiazzarlo... non è poi troppo difficile trovare uomini con molta fantasia sessuale, e anche se qualcuno oltre alla fantasia avesse ben poco da offrirti, non è poi così difficile trovare un altro "vulcano": sei bella, sei giovane e soprattutto sei molto sensuale...
Ma non credo che, se entrambi siete contenti di come vanno le cose, dovresti preoccuparti troppo per un'eventuale fine: se tu hai trovato chi ti rende soddisfatta sessualmente, anche lui ha trovato in te la stessa cosa e, almeno fino a che sarete entrambi soddisfatti, non vedo per quale motivo la vostra storia dovrebbe finire, a meno che non veniate scoperti.
Non voglio fare considerazioni morali-affettive sul tuo comportamento, certo il tuo non è quello che si dice un matrimonio riuscito e forse, con un divorzio sulle spalle, non te la senti di mandare a monte un rapporto che, anche se sessualmente non ti dà più nulla, ti fa sentire al sicuro, però sicuramente questo rapporto con tuo cognato, anche se inizialmente ti può sembrare la soluzione perfetta, comincerà a mostrare i suoi limiti.
Una donna, e comunque un essere umano in generale, non ha bisogno solo di sicurezza e di sesso, ma ha bisogno soprattutto di amore, sia di riceverne che di darne, e mi sembra che in tutta questa storia di amore ce ne sia ben poco: con tuo marito, se c'è stato, sicuramente non c'è più (da parte di entrambi, perché se è vero che tu lo tradisci sistemeticamente, è vero anche che lui ti trascura ed il fatto che non si sia neanche accorto che qualcosa in te è cambiato o, anche se se n'è accorto, faccia finta di niente, significa che in fondo a lui sta bene così ) e con tuo cognato mi sembra di capire che oltre ad una forte attrazione sessuale non ci sia altro, altrimenti ne avresti parlato.
Quindi quella che ora ti sembra una rosea soluzione ai tuoi problemi coniugali in realtà è solo una trappola che probabilmente avrà delle conseguenze che ora non prevedi neanche, come non posso prevederle io, ma che non saranno sicuramente piacevoli.
Sei ancora molto giovane, anche se hai già due matrimoni alle spalle, e prima o poi il tuo bisogno di amore, di confidenza, e soprattutto di vivere un amore vero e non una vita sdoppiata, ti porterà a vedere i limiti di questo tipo di vita ed a prendere atto della realtà, una realtà dove credi di essere tu a scegliere ma dove in realtà sei usata due volte: da tuo marito che vuole una moglie tranquilla ed un rapporto senza entusiasmi, e da tuo cognato che ti usa sessualmente per sfogare le sue voglie senza dover tirare in ballo sentimenti inesistenti.

Questa lettera è stata letta 10752 volte.


I vostri commenti
Ci sono 1 commenti:

Uff :) , sono d'accordo, io in vacanza non in coppia, mi sono "concessa" forse più per un insoddisfazione fisica e ho fatto una delle esperienze migliori della mia vita. Che rifarò spero a breve. Anche se penso che andando più in là con gli anni eviterò.
       (Scritto da K. il 22/10/2015 22:25)
Vuoi rispondere, in privato, a K.? Clicca qui: Rispondi a questo commento in privato


Vuoi inserire anche tu un commento a questa lettera? Vuoi rispondere pubblicamente?
Clicca qui: Inserisci un commento a questa lettera

Cialis originale


 << ultima lettera  |  < lettera successiva  |  lettera precedente >  |  prima lettera >>
 La confessione più recente in questo argomento è:

Notte notte
Notte dedicata
  
 La confessione più letta in questo argomento è:

 ♦ Masturbare un altro è tradire?
In vacanza si lascia "prendere la mano" da un ragazzo, non proprio per passeggiare. Ora si sente uno schifo. Fare sesso manuale è tradire? E, soprattutto, ne deve parlare al suo ragazzo?



Inserite la vostra pubblicità su questo sito