La paura di esporsi




Relazioni personali



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore

Poesie erotiche
  

La paura di esporsi

Amori che si sfiorano più volte senza mai incontrarsi. Forse non erano vero amore o forse non c'è stato il coraggio di volervi vivere.

di Laura
Ho 24 anni e non trovo le forze di reagire a questa situazione.
Nove anni fa conobbi un ragazzo, che faceva parte del gruppo di amici che iniziai a frequentare, da subito mi accorsi di provare interesse per lui. Conoscendoci tra noi si instaurò una bellissima amicizia e pur rendendomi conto che io provavo molto di più ho sempre avuto troppa paura per dirglielo. Avevo paura che non ricambiando si allontanasse, e ho sempre preferito non correre il rischio pur di poterlo comunque avere al mio fianco, nella mia vita.
Col tempo poi mi sono avvicinata sempre di più al suo migliore amico e dopo un po' ci siamo fidanzati. Stavo bene con lui, mi riempiva di attenzioni, mi rendeva felice e lentamente avevo iniziato a provare sempre meno per l'altro ragazzo innamorandomi perdutamente del mio.
Ho dato a questo ragazzo tutta me stessa, ero certa fosse l'amore della mia vita per lui ho rinunciato alle persone più care che avevo. Nel frattempo senza apparente motivo entrambi ci siamo sempre più allontanati da "quel ragazzo" (che nel frattempo si fidanzò) fino a non vederlo ne sentirlo più.
La mia storia d'amore durò 5 anni, fino a sentirmi dire che non mi amava più.

Un giorno mi resi conto che così dal nulla avevo ricominciato a pensare a "quel ragazzo" che ormai non vedevo da anni, non sapevo neanche io cosa volevo o cosa provavo, sapevo solo che lo volevo nella mia vita. L'ho cercato e abbiamo ricominciato a vederci, sembrava non avessimo mai smesso di farlo, ma le nostre uscite erano sempre molto ambigue, mille frasi sottintese, mille lasciate a metà e la paura di entrambi di esporsi. Poi una sera lui mi ha detto che 9 anni prima le cose non sarebbero dovuto andare in quel modo e che lui si fosse accorto di essere innamorato di me quand'ero ormai la ragazza del suo migliore amico.
Per giorni mi sono torturata su quelle parole e decisi che questa volta sarei dovuta andare fino in fondo. Corsi da lui e senza prendere fiato gli dissi che provavo molto di più che amicizia per, lui mi baciò(prossimo contatto fisico tra noi) mi chiese di provarci di darci una possibilità e facemmo l'amore.
Da quella sera iniziai a crederci davvero, speravo che avrei avuto davvero una seconda occasione e mi resi conto che non avevo mai smesso d'amarlo. Purtroppo l'illusione è svanita presto. E' un ragazzo "problematico" cresciuto senza genitori, che nella vita ha sofferto, incapace di fidarsi fino in fondo delle persone e che si è sempre costruito un muro di difesa.

Ho sempre sperato di riuscire a raggiungere la cima di quel muro e credevo di essere sulla buona strada.Poi un giorno una sua telefonata, mi ha detto di voler chiudere col passato, di aver bisogno di ricostruire tutta da capo e per farlo doveva chiudere con tutti coloro che facevano parte del suo passato, me compresa. Mi ha chiesto di non cercarlo più.
Sono passati 3 mesi e non l'ho mai più cercato, vorrei riuscire a lasciarlo libero di costruirsi un futuro e magari di trovare qualcuno davvero in grado di buttar giù quel muro ma sto malissimo. Ho bisogno di vederlo, di sapere che sta bene e di dirgli le due parole che in nove anni non ho mai avuto il coraggio di dirgli "ti amo".
Mi tormento chiedendomi il perché fare l'amore con me e chiedermi di darci un occasione, vorrei dirgli che non poteva ferirmi in modo peggiore. Dopo nove anni, ero disposta a stargli ancora accanto in silenzio pur di averlo vicino, gli sarei stata accanto come amica senza farmi illusioni, perché fare l'amore perché farmi provare cosa significava averlo davvero per poi perderlo del tutto? Vorrei andare da lui a dirgli tutto ciò ma non trovo il coraggio. Cosa devo fare?


La nostra risposta:
Cara Laura,
rimanere in questa situazione di incertezza non è certo positivo. Nove anni fa, per la paura di dirgli la verità, ti sei lasciata sfuggire l'occasione. Se avessi ascoltato l'impulso che ti diceva di agire, chissà come sarebbe andata. Forse avreste vissuto insieme il vostro amore, forse avresti avuto un rifiuto, un imbarazzo che sarebbe durato breve tempo.
La tua è una vicenda che ha come base l'equivoco, la mancanza di coraggio e la paura del confronto, da parte di entrambi. Questa esperienza dovrebbe averti insegnato a non aver paura della verità, perché tacerla può essere peggio. Eppure nove anni dopo, quando ti ha chiesto di darvi una possibilità, non hai avuto il coraggio di dirgli "ti amo".

Quindi, anche se lui ti ha chiesto di non cercarlo, dovresti invece farlo e parlargli seriamente, una volta per tutte. Che rischio corri, in fondo? Di perderlo? Ma lui ha già detto di voler tagliare i ponti col passato, quindi lo perderesti comunque. Non è meglio giocare questa carta, invece?
In un momento in cui si sentiva particolarmente in difficoltà può aver deciso di voltare pagina, ma non puoi sapere quanto questa decisione sia tuttora valida. Può aver avuto nostalgie, ripensamenti... Mai dare nulla per scontato. La cosa peggiore che ti possa accadere è quella che già stai vivendo.

Ti domandi il perché del suo atteggiamento. Forse a volte è solo il voler vedere "che succede". Fosse stato amore, quello di 9 anni fa, nessuno dei due si sarebbe messo con un altro. Era stato un innamoramento, cosa diversa. Ora poteva tornare, o forse no; forse lui cercava, da te o da se stesso, quel "qualcosa in più" che non è venuto. Quel "ora che ho provato cosa vuol dire averti vicino non accetto più di staccarmi da te" che si chiama amore. Se lo provi, sarebbe ora di dimostrarlo.

Questa lettera è stata letta 4444 volte.

Vuoi rispondere tu, in privato, all'autrice/autore di questa lettera? Clicca qui: Rispondi a questa lettera in privato


I vostri commenti
Ci sono 3 commenti:

Se una relazione trova sulla sua strada molti ostacoli di varia natura, è meglio guardare oltre, ha riuscita solo ciò che scorre liscio.
Secondo te che amore poteva provare quel ragazzo? secondo me ti ha usata, punto.
Se uno ama una donna la frequenta, la conosce, l'amore fisico è una naturale evoluzione di un'intesa emotiva e intellettiva o no? oppure prima si fa sesso e poi ci si conosce?
Mi sembra che molte donne cadono nella rete di furbetti abili nelle lusinghe a cui le donne sono molto sensibili o nello stimolare il lato da crocerossina.
Il mio parere è, lascialo perdere trovati un ragazzo che ti voglia rispettare ed amare per ciò che sei, e vai oltre il tuo bisogno di attenzioni, almeno cerca di capire se sono sincere o interessate.
       (Scritto da Ettore il 6/6/2010 13:21)


Ciao, io sono straniera non so bene scrivere pero la tua confessione mia fato piangere, sei forte
       (Scritto da Romina il 28/4/2009 20:24)


Cercalo e digli cosa provi, magari lui sta aspettando solo questo... La vita ti ha dato una seconda opportunita', non lasciarla andare via cosi'.
       (Scritto da Ilaria il 17/1/2009 20:02)


Vuoi inserire anche tu un commento a questa lettera? Vuoi rispondere pubblicamente?
Clicca qui: Inserisci un commento a questa lettera

Cialis originale


 << ultima lettera  |  < lettera successiva  |  lettera precedente >  |  prima lettera >>
 La confessione più recente in questo argomento è:

Notte notte
Notte dedicata
  
 La confessione più letta in questo argomento è:

 ♦ Masturbare un altro è tradire?
In vacanza si lascia "prendere la mano" da un ragazzo, non proprio per passeggiare. Ora si sente uno schifo. Fare sesso manuale è tradire? E, soprattutto, ne deve parlare al suo ragazzo?



Inserite la vostra pubblicità su questo sito