Testa vuota




Relazioni personali



Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Poesie d'amore

Poesie erotiche
  

Testa vuota

Ignoranza, grossolanità e stereotipi sull’Anarchia

di Jenet+Majakovsky
Alla redazione.
Carissimi redattori e collaboratori. Mi sono deciso a scrivervi dopo tantissimi anni che, più o meno svogliatamente sfoglio la vostra rivista; ovviamente senza pagarla, poiché sarei poco orgoglioso di dare a "campare" a delle piattole come voi.
Sia perché vorrei che voi devolveste una parte dei vostri profitti a me, che mi faccio anticipare rubando la vostra rivista all’edicolante.
Basta con i complimenti, mi preme dirvi quello che avrei voluto già scrivere a quei fattoni di "verdoniana" memoria di "Re Nudo" già tanti anni fa: voi siete dei promotori e diffusori di qualunquismo, voi siete dei giornalisti di "Avvenimenti", peggio, voi siete dei mangiamerda, dei pisciasotto pompieri degli istinti prepolitici della sovversione politica, voi siete come Pannella, dei recuperatori della rivolta, coloro che stando sul limite della rivolta chiudono e deviano questo percorso.
Il vostro schifoso giornale col passare degli anni ha assunto la forma di una enorme cazzata.
Non è una polemica personale. I soviet+elettricità non fanno il comunismo, gli squat+la lotta fanno anarchia.


La nostra risposta:
Caro Jenet+Majakovsky,
purtroppo testa+bocca non fa intelligenza. Nel tuo caso, poi, ne siamo paurosamente lontani. Non che non accettiamo critiche, o che abbiamo la coda di paglia, o siamo permalosi. Anzi, siamo comprensivi. Come vedi pensiamo che tu, dopo tutto, anche se pericolosamente rozzo intellettualmente e politicamente, rappresenti qualcosa, qualcuno, alcuni anche se pochi lettori, e quindi pubblichiamo la tua lettera.
Perché "pericolosamente"? Perché la politica, anche quella rivoluzionaria, anche quella anarchica, non è mai basata sull’ignoranza, né sugli istinti elementari. Chi fa politica (certo non come professione, ma semplicemente "professando" idee) non lo fa con insulti e preconcetti stereotipati, di cui magari ignora anche il significato (scommetto che non hai mai visto una copia di Re Nudo in vita tua, e poi Verdone che c’entra?). E l’Anarchia meno che mai, essendo di tutte le fedi quella più idealista, quella che più profondamente permea il cervello ed il cuore. E’ vero, "la rivoluzione nasce dalle pance vuote", ma non dalle teste vuote; i Bakunin hanno scritto chili e chili di pagine ed i Bresci ne hanno lette altrettante.
Quando lo Stato ed i ricchi avevano interesse a conservare la gente analfabeta, gli anarchici organizzavano di nascosto scuole popolari per insegnare a leggere, scrivere e far di conto; ed un manovale od un contadino che sapesse ragionare veniva considerato un pericoloso sovversivo. Tu non daresti certo preoccupazioni a Bava Beccaris.
E poi, siamo "pisciasotto pompieri" perché parliamo di amore, sesso, droga, Aids, amicizia, rispetto...? Prova a pensare, una volta tanto: a chi fa comodo se i giovani crescono razzisti, infelici ed isolati, incapaci di amare, di rispettare il prossimo, con la fobia del sesso, chiedendo la pena di morte per gli ammalati di Aids e l’ergastolo per i tossici?
A noi non importa se uno dice di essere un anarchico o uno skinhead, importa solo se è intelligente o idiota. E tu, scrivendo la parola "Anarchia" in questa lettera ignorante e sconclusionata, non insulti noi, bensì tanti e tanti anarchici, giovani e vecchi, con i calli alle mani e gli occhi stanchi, ma la testa che funzionava, che sono morti in prigione o sulle barricate per farti avere il diritto di scrivere una lettera ignorante e sconclusionata. Vergognati.

Questa lettera è stata letta 2568 volte.


I vostri commenti
Non ci sono ancora commenti pubblici a questa lettera.
Vuoi essere tu il primo a inserire un commento a questa lettera? Clicca qui: Inserisci un commento a questa lettera

Cialis originale


 << ultima lettera  |  < lettera successiva      
 La confessione più recente in questo argomento è:

Quasi 31enne incapace nell'amore.
Con il suo carattere chiuso e pessimista non riesce a costruire relazioni interpersonale e "mette in fuga" qualsiasi donna a gambe levate.
  
 La confessione più letta in questo argomento è:

 ♦ Mi sembra di avere fallito
Una donna, 40 anni, ha molti amici e una vita sociale, ma dentro di se sente l'insoddisfazione di non avere una famiglia, un uomo che la ama, un figlio: come succede a molte donne in questa società



Inserite la vostra pubblicità su questo sito